Claudio Marangone

claudio malangone


Psichiatra, coreografo e danzatore, dal 2002 al 2005 è stato uno dei dieci danzatori italiani della coreografa internazionale Susanne Linke, per il progetto italiano di VersiliaDanza. Di formazione classica e contemporanea si è perfezionato in Italia e all'estero con: Susanne Linke, Carolyn Carlson, Beatrice Libonati, Matilde Monnier, Birgit Cullberg, Nina Watt, Doris Rudko, Alice Condodina, Simona Bucci, Andè Peck, Roberta Garrison che ne hanno  indirizzato il lavoro verso la ricerca di un linguaggio proprio, risultante dalla sedimentazione ed elaborazione del materiale tecnico, classico e contemporaneo appreso. Dopo diverse esperienze come danzatore in compagnie italiane di danza contemporanea, dal 1992 è direttore artistico di Borderline Danza, compagnia già riconosciuta e sovvenzionata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con la quale partecipa a diversi festivals (tra questi: Biennale dei giovani artisti d'Europa e del Mediterraneo; Fabbrica Europa; Festival Musicale di Ravello; Salerno Danza). Per le proprie coreografie riceve premi e segnalazioni speciali (Beato Angelico, Danza Primavera, Agon Coreografia, Premio Le Muse Città di Nettuno). Tra questi, nel 2000 riceve dal Prof. Alberto Testa per il Festival SalernoDanza, una menzione speciale per "l'efficace ed originale lavoro di ricerca e sperimentazione coreografica" e nel 2004 dal Prof. Lorenzo Tozzi al Premio Nureyev un riconoscimento speciale alla coreografia "Freez" per "l'idea coreografica e la realizzazione geniale". Accanto all'attività di coreografo e danzatore organizza attività di promozione di giovani autori indipendenti con rassegne di danza (Percorsi Salernitani, Suoni/Visioni in Movimento, Itinerari…Itineranti), nonché di formazione di insegnanti e danzatori (I° e II° corso di Perfezionamento di Coreografia). E' presente inoltre, in qualità di docente in corsi di formazione invernali ed estivi, in prestigiosi centri di danza a Napoli (Movimento Danza di Gabriella Stazio; Lyceum di Mara Fusco) e in tutta Italia (Genova, Torino, Alessandria, Venezia, Firenze, Roma, Pescara, Chieti, Benevento, Avellino, Cosenza) con materie quali: tecnica contemporanea e composizione coreografica, anatomia del danzatore, teoria musicale. Inoltre, si occupa di formazione degli operatori (ASL SA1; Seconda Università di Napoli, Istituto di Psichiatria) all'uso della tecnica di danzaterapia per disabili psichici e fisici.