"Trilogia in miniature danza al femminile"
Cartec 
Antica Cava Spazio espositivo d'arte contemporanea
Giardini Pubblici - Cagliari

Un mini festival urbano, in un luogo speciale quale l'Antica Cava Spazio espositivo d'arte contemporanea/Giardini Pubblici della città di Cagliari. In questa occasione si svolgerà la rappresentazione di  7 miniature di danza in live e 2 in video/danza, per 9 artisti, in cui la multidisciplinarietàche indaga su tre linguaggi dell'arte contemporanea.Il fil rouge della danza intesa come arte installativa sarà il quid che conduce la giornata.   

Cartec presterà le sue scenografiche quinte naturali per le sette scene di danza che compongono “Il Mediterraneo, il corpo, il viaggio”, in affinità elettiva col progetto di arti visive “Questa è la tua terra”, inserito nelle celebrazioni dei Musei civici per l’ottantesimo anno dalla morte di Antonio Gramsci. Il progetto gramsciano, a curadella rete “Nino dove sei” (Raffaella e Bruno Venturi, curatori; Josephine Sassu, Manu Invisible, Giovanni Casu e Gianfranco Pintus, artisti) avrà come luogo catalizzatore Cartec, aperto alla cittadinanza e a portati di qualità espressiva e culturale, in attinenza con i temi gramsciani che verranno approfonditi dalla rete “Nino dove sei?”, come il corpo di Gramsci, i viaggi cui è stato costretto da un carcere all’altro, il movimento delle sue idee contro l’immobilità della sua reclusione.

La danza e Gramsci hanno molti più punti in comune di quanto non sembri. Già a partire dal suo celebre monito, “Agitatevi, organizzatevi, studiate”. Fra tutte e tre queste parole non è forse sotteso il filo rosso della danza?

9 artisti coreografi per una trilogia: danza //letteratura e poesia; danza//voce; danza//arte visiva

Sara Sguotti/Italia; Sara Angius/ Italia Germania; Loredana Parrella/Italia; Clotilde Tiradritti/Italia Francia; Linda Magnifico, Sasha Shlain, Patricia Rotondaro/ Italia/Argentina/Russia; Franco Reffo e Barbara Geiger/Italia Austria

Per la creazione de “La mennulara“, la coreografa Linda Magnifico si ispira al romanzo omonimo di Simonetta Agnello-Hornby. La Hornby racconta la vita della Mennulara dalla prospettiva dei superstiti. Questi ricordano la bella e misteriosa donna attraverso il loro coinvolgimento personale.

Il triste destino di una raccoglitrice di mandorle!
Un racconto che si muove a spirale e coralmente intorno alla figura di Maria Rosalia Inzerillo, conosciuta come "la Mennulara". Ora è morta e tutto il paese di Roccacolomba si chiede chi è stata davvero. Una profittatrice? Una pedina della mafia locale? Una seduttrice? Una serva- padrona? Un grande ritratto di donna. Una storia fitta di misteri.
La mennulara, è un solo creato da Linda Magnifico, la musica originale è composta da Sasha Shlain e l’interpretazione è affidata alla danzatrice Argentina Patricia Rotondaro.

 

Ideazione Linda Magnifico


Composizione originale delle musiche Sasha Shlain


Coreografia Linda Magnifico in collaborazione con l’interprete Patricia Rotondaro


Produzione Cie. Dysoundbo //Svizzera

 

Crediti:

  • Finalista al VI Gdansk Dance Festival Poland, Solo Contest 2014

  

“Stjerne-kiggere” (“Stars watchers”) sono chiamati in Danimarca coloro che nascono al contrario, coloro i quali poi si ritrovano ad affrontare la vita in modo non del tutto ordinario e tradizionale, secondo la credenza popolare sono individui che vivono generalmente una condizione di continuo senso di smarrimento e perdita di orientamento in un mondo a cui non sentono di appartenere per troppi aspetti. E così inizia la continua ricerca di sé, la ricerca disperata di una collocazione, in un luogo che diventa quasi un labirinto senza uscita, in cui l'unica apertura è il soffitto che stimola la tensione verso l'alto e verso qualcosa di superiore.

L'ispirazione è tratta in parte dal testo di Friedrich Durrenmat “Il Minotauro”, una rivisitazione del mito greco da parte dell'autore svizzero, in cui il protagonista, metà uomo e metà toro, si trova in un labirinto di specchi, sempre al limite della conoscenza, delle sensazioni di passione, gioia, infelicità, paura e tormento, sempre sulla soglia delle emozioni che proverebbe se solo sapesse cosa vuol dire provare emozioni.

 

Ideazione//regia//coreografia//interprete: Sara Angius

Crediti:

3rd Prize Dance and 3rd Prize Choreography at 17. Internationales Solo-Tanz- Theater Festival Stuttgart

Il lavoro parte dall'analisi di alcuni versi tratti dalla raccolta lirica di Charles Baudelaire "I fiori del male".

Una massa informe, snaturata, macabra, viscerale che risiede in me. Seducente e animale che nell’abbandono trova misura. Una misura in controluce che sfiora l’opposto del suo essere ma che non si manifesta e rimane nella penombra.

 

Ideazione//regia//coreografia//interprete: Sara Sguotti

Crediti: 1° premio alla migliore scrittura coreografica  Festival Internazionale Cortoindanza IX edizione 2016

L'idea coreografica nasce dalla necessità di voler indagare le modificazioni prodotte dal trascorrere del tempo, sia nel corpo fisico che nella natura di archivio che il corpo della danza, e non solo, rappresenta. Lo spunto sul quale si basa la ricerca è la miniatura coreografica "La morte del cigno" coreografata da Michael Fòkin per la danzatrice Anna Pavlova nel 1907.

 

Ideazione//regia//coreografia//interprete: Loredana Parrella

In voice è una partitura di movimenti per corpo, voce, luce ed ombre. Concepito per uno spazio non convenzionale è creato affinché sia duttile alla lettura di un luogo che determina il percorso della scrittura coreografica.

L’intreccio dei diversi linguaggi darà luogo a differenti domande sul margine di definizione tra voce, corpo, movimento.

Un invito, un incontro inaspettato: qual’è la voce della danza? quale danza può scaturire da un suono? Spirali...

 

Ideazione e interpretazione: Clotilde Tiradritti - Compagnie Héliotropion/Parigi

  • “Jakob's Reise” Italia 2014, 13"

choreography  Barbara Geiger, Franco Reffo

video direction and photography  Giuseppe Baresi

with  Alessio Calciolari, Barbara Geiger, Lorenzo Piccolo, Franco Reffo

and the appearance of  Domenico Cicchetti, Claudia Gambino, Edoardo Mozzanega, Laura Sferch, Carlo Cattadori

editing  Giuseppe Baresi, Valentina Andreoli

sound  Alberto Mompellio, Matteo Grisoni

costumes  Stefania Barreca

assistant  Paolo Mazzanti

production  Associazione Culturale NUT

 with the friendly support of Österreichisches Kulturforum Mailand

 

 

  • “Solo con drone” Teaser Italy 2014, (2'37") Barbara Geiger

choreography  Barbara Geiger

video direction and photography:Zoran Tomic 

Please reload

Tersicoreat.off Officina delle arti sceniche e performative

Via Nazario Sauro,6 09123 Cagliari

tel. +39 070/275304  ___ mob. +39 328/9208242

mail: tersicoreat.off@gmail.com

pec: tersicoreat.off@mypec.eu

website: www.tersicorea.it

Tersicorea è un ORGANISMO DELLA DANZA sostenuto da MIBACT Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo; Regione Sardegna; Comune di Cagliari 

NETWORK

CAPOFILA Med'Arte rete per lo sviluppo delle arti sceniche nel bacino del Mediterraneo

PARTNER di Permutazioni di Zerogrammi/CASA LUFT Torino

  • Grey Facebook Icon